Intervista: La soddisfazione di Gail Munro contro il Royal Caledonian

Qualche mese dopo la sentenza del tribunale Gail Munro rilascia un’intervista sulla vicenda. Per chi è distratto o chi non c’era rammento che la skip scozzese Gail Munro nel 2008 , al Mondiale donne in Canada, dopo una serie infinita di partite perse entrò in conflitto nei rapporti con il suo capo delegazione Derek Brown. Per una grave incomprensione Brown dichiarò alla stampa che Gail Munro si rifiutava, nel proseguo del Mondiale ,di giocare per la nazionale di Scozia. Nelle ultime 2 gare di programma la Scozia scese sul ghiaccio con solo 3 atlete. Al ritorno in Scozia la Munro si attivò per avere giustizia ritenendo false e lesive della sua immagine le dichiarazioni fatte da Brown. Solo a fine aprile 2011 il tribunale in Scozia ha emesso la sua sentenza dando ragione a Gail Munro e condannando la Federazione scozzese al pagamento di 21.950 sterline alla Munro per i danni subiti. Oggi Gail torna a parlare sulla vicenda con riflessioni interessanti per tutto il mondo del curling.

Domanda – Come è stata  influenzata  la tua vita negli ultimi tre anni? 
“‘ Consumata completamente.   C’era sempre un’altra e-mail dagli avvocati da leggere e affrontare.  E ‘difficile descrivere  la mia vita e mi sentivo in colpa per l’effetto che stava avendo sulla mia famiglia, soprattutto su mia figlia Robyn, che aveva solo quattro anni quando tutto questo è cominciato. Lei aveva bisogno di me e spesso mi sono sentita   egoista perchè io pensavo solo al processo. L’intera esperienza ha influenzato la mia fiducia. Potevo solo rilassarmi  in compagnia di persone vicine a me, fuori da quel circolo spesso mi sentivo a disagio. Ma i miei veri amici  sono sempre stati per me quando ne avevo bisogno “.D – Hai  mai pensato a rinunciare? Che cosa ti ha dato la determinazione di andare fino in fondo? “Non avrei potuto vivere con me stessa se non  lo avessi fatto.  Non dimenticherò mai come la gente mi ha guardato quando sono tornata da Vernon. Non c’è mai stato un momento in cui ho pensato di gettare la spugna. L’unica cosa che mi avrebbe fermato poteva essere  l’aspetto finanziario, soprattutto di portare il caso in tribunale.I costi della giustizia sono stati di £ 60.000. Ma ho avuto il sostegno finanziario da parte di alcuni membri della mia famiglia. D – Quali sono i sentimenti verso  coloro che si schierarono con Derek Brown? 
“Sono rimasta enormemente delusa dal fatto che le persone che consideravo  amici, persone che avevo invitato al mio matrimonio, improvvisamente mi hanno voltato le spalle . Ho letteralmente avuto le porte chiuse in faccia .Ciò che realmente mi ha fatto male e che nessuno ha chiesto la mia versione della storia.Alcune di queste persone non hanno mai parlato con me da quando sono tornata dai Mondiali a Vernon. Solo la mia compagna di squadra  Lyndsay mi è stata vicino. Per il resto della squadra ho sentito subito che   si erano alleate con lui (Derek Brown) perché avevano  tutte la speranza di essere selezionate per le Olimpiadi del 2010. Spero che tutti i coinvolti in questa vicenda possano imparare dai loro errori. Ma il problema è di tutti.Non c’è alcuna protezione per i giocatori. D – Quali sono i tuoi sentimenti verso la RCCC?  “Sono delusa  anche con loro perchè  erano pronti a spazzare il problema sotto il tappeto con la speranza di non parlare piu’ di questa storia . Il Royal Club mi ha fatto tre offerte .Si sono offerti di  dare un contributo finanziario per lo sviluppo del curling nella mia zona  ma in cambio io dovevo mettere a tacere la vicenda impegnandomi anche alla rinuncia a  giocare in ogni competizione che mi  poteva  portare a una rappresentanza internazionale. Ma per me accettare questo sarebbe stato come  una  ammissione di colpa così abbiamo rifiutato e combattuto per avere la verità. ”  D – Quanto desideri tornare a  rappresentare di nuovo il tuo paese?  “Mi piacerebbe farlo ma ho bisogno di tempo. Ho bisogno di tempo per recuperare ma continuerò a competere “.
D – Se, ad un certo punto in futuro, ti  troverai  faccia a faccia con Derek Brown, che intende farti le sue scuse, cosa vorresti dirgli? 
“Vorrei solo dire che è  troppo tardi .Ha avuto l’opportunità di chiedere scusa  anche fino a cinque minuti prima che lui deponesse   in tribunale.Ma non ha intenzione  e non credo che sia mai disposto a farlo.  Cosa gradirei sono le  scuse da altre persone che forse non sapevano che cosa stava succedendo.  Vorrei anche dire quanto ho apprezzato il supporto della mia compagna  Lyndsay. Ora che tutto è finito voglio ringraziare per il sostegno i miei amici e parenti, senza di loro non avrei  raggiunto questa soddisfazione .Quello che vorrei fare è qualcosa per tutti i giocatori .Vorrei creare una rete di supporto per gli atleti in modo che siano in grado di parlare con qualcuno di fiducia se hanno problemi – come un servizio di assistenza. Non è giusto che per fare chiarezza sulla mia storia io abbia dovuto sborsare  tanti soldi per difendere me stessa contro il Royal Club. So che i soldi spesi non mi verranno rimborsati  ma sono contenta ora ho avuto il mio giorno di verità  in tribunale e davanti a tutto il mondo del curling.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi