Andrea Schopp: Anche se fosse il tramonto

Nella gara contro l’Italia forse qualche tifoso tedesco avrà pensato che quella skip non fosse Andrea ma la sua controfigura. La Schopp solitamente ama, nelle pause di gioco, allontanarsi con la sua inseparabile bike e, come sempre, senza un orologio al polso, a volte ha dimenticato di pedalare per tempo verso la pista del ghiaccio dove è attesa per giocare un’altra partita. Per Andrea questa non è di certo una stagione da ricordare. Tutta una vita a giocare a curling. Guardandola oggi sul ghiaccio si fatica a credere che il suo primo esordio nell’Europeo risale al  1980. Nell’Hvidovre Ice Rink di Copenaghen, quel lontano 30 novembre 1980, una timidissima quindicenne è la nuova skip della Nazionale di Germania. E’ l’esordio internazionale per Andrea Schopp e guarda caso proprio contro l’Italia. Ovviamente non questa Italia di Karlstad ma le madri, almeno per età, delle azzurre di oggi. Per la cronaca questo esordio si chiuse a favore della Germania per 9 a 7. Ma ancora altri mostri sacri come Dordi Nordby per la Norvegia, Anette Norberg con la Svezia e Rhona Martin della Scozia, erano delle  sconosciute nel curling. Andrea invece era già sul ghiaccio a vincere. Una carriera fantastica con 8 titoli europei, argenti e tanti bronzi limitandoci a quanto conquistato in questa competizione. In questi giorni a Karlstad per Andrea è stata anche l’occasione di festeggiare la sua gara n° 500. La Schopp ha sicuramente gradito ma come lei stessa ha detto: “quando ti piace giocare non tieni il conto di quante volte scendi in pista”. Con quella energia da ventenne non posso e non voglio credere che sia la fine di una carriera. Una stagione storta può capitare a chiunque. Forse il problema è tutto nostro che siamo abituati a vederla solo vincere. E’di questi giorni la pubblicazione di un comunicato nel sito di WCF in cui si chiede a tutte le Federazioni di inviare il nominativo di un candidato per l’assegnazione del premio Hall of Fame 2013. Credo che non sia così illogico pensare di assegnare questo riconoscimento proprio a Andrea Schopp per il suo eccezionale contributo dato al curling in tutti questi anni. Per chi concorda che questa sia la scelta giusta, ricordo che si deve scaricare e compilare il modulo allegato al comunicato nel sito di WCF inviabile già dal 9 dicembre 2012 a  colin.grahamslaw@worldcurling.org.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi