Ivo Lorenzi (WCF official site)

Addio a Ivo Lorenzi

Oggi, sabato 9 novembre 2013, Ivo Lorenzi ci ha lasciato. Era nato il 24 agosto 1923. La sua è stata una vita di passione dedicata al curling italiano. Nel 2010 per l’apertura del Mondiale di Cortina tutto il gran finale della cerimonia era stato scritto per celebrare i meriti sportivi di Ivo. Ma le cose non andarono per il verso giusto e Ivo Lorenzi dovette rinunciare al lancio di quel suo ultimo stone. Su wikipedia si può leggere di lui: 1966 divenne presidente del Curling club Dolomiti, nel 1969 presidente dell’Associazione Cortina Curling, l’organizzazione che riunisce e rappresenta i sei club di Cortina d’Ampezzo. Dal 1970 al 1992 Ivo è stato presidente dell’Associazione Italiana Curling. Nel 1972 Lorenzi divenne membro del consiglio direttivo della World Curling Federation. Nel 1973 vicepresidente del Royal Caledonian Curling Club, il primo e più prestigioso curling club del mondo, nonché organo dirigenziale della federazione scozzese del curling. Nel 1976 membro del consiglio direttivo dell’European Curling Federation. Dal 2006 è stato presidente onorario del Curling Club Cortina.

 

Firma accordo per la partecipazione al Mondiale di curling Cortina d'Ampezzo ottobre 1972 Seduti al centro Ivo Lorenzi presidente dell'Italian Curling Association (ICA), alla sua destra il canadese Douglas Maxwell ideatore della Air Canada Silver Broom (Campionato del Mondo), alla sua sinistra lo scozzese W.D.Wilson presidente del Royal Caledonian Curling Club, in piedi, secondo a destra, un giovane Franco Zumofen

Firma accordo per la partecipazione al Mondiale di curling
Cortina d’Ampezzo, ottobre 1972

Seduti al centro Ivo Lorenzi presidente dell’Italian Curling Association (ICA); alla sua destra il canadese Douglas Maxwell ideatore della Air Canada Silver Broom (Campionato del Mondo); alla sua sinistra lo scozzese W.D.Wilson presidente del Royal Caledonian Curling Club; in piedi, secondo a destra, un giovane Franco Zumofen.

 

Nel 2007 scrissi per lui un articolo che in questo giorno così triste per il curling italiano voglio riproporvi.

Se vuoi essere un vero giocatore di curling non puoi non sapere di cosa è stato capace. Scrivendo su chi è stato e cosa ha fatto raccontiamo allo stesso tempo la nascita e la storia del curling italiano. Ivo Lorenzi da subito è molto attivo sia come giocatore che come dirigente. Siamo negli anni 60 e viene costituita l’Associazione dei club Curling Cortina e Ivo Lorenzi è chiamato a presiedere sia l’Associazione che il Curling Club Dolomiti. Fanno parte di questa Associazione i club Cortina, 66, Doria, Tofane, Dolimiti Damen, 66 Ladies e come detto il Dolomiti. Come atleta conquista il titolo italiano nella XIV Edizione del campionato 1969. Il team era formato da Raimondo Giavi, Claudio Alverà, Ivo Lorenzi, Franco Zumofen. Poi arriva il grande lavoro di portare l’Italia del curling nel circuito internazionale. Ivo un po’ per volta apprende i meccanismi che da tempo regolano l’organizzazione internazionale. Apprende quindi quali devono essere i passi necessari per ottenere il riconoscimento fuori dai nostri confini. A livello Mondiale tutto è nato ed è gestito dal RCCC (Royal Caledonia Curling Club).

[continua a leggere qui]

2 risposte a "Addio a Ivo Lorenzi"

  1. fzumofe@tin.it' Franco Zumofen scrive:

    Caro Renato
    Ti ringrazio d’aver ricordato la figura di Ivo Lorenzi . Molto eloquente è stata la nota che tu avevi già scritto nel 2007 , ritornata attuale in questa triste occasione. .
    Onestamente in questo momento non so se faccio bene a trascrivere alcuni brevissimi ricordi dei trent’anni passati accanto a Ivo , ma ho la strana sensazione che raccontando alcune stringate rievocazioni sulle nostre comuni vicende mi sembra di essergli più vicino . . Non so se Ivo sarà d’accordo con questa mia iniziativa , temo che ripeterà la sua solita frase di cui egli deteneva il copri right “Sacramenza…”
    ma io ci provo lo stesso.
    Dal 1962 al 1966 sono stato alle dipendenze di Ivo come cuoco nel suo rinominato ( e storico per il curling ) Ristornate Gambrinus di Cortina d’Ampezzo E’ stato proprio in quella circostanza che Ivo mi trasmesso il virus del curling. I miei primi passi da curler li ho intrapresi lanciando un pentola a pressione sul parquet del ristornate. . Per “ aggiustare “ la situazione Ivo aveva ingaggiato un altro cuoco par time in modo che io potessi allenarmi e partecipare ad gare con maggiore tranquillità e in modo più consapevole
    Dal 1966 al 1973 ho fatto parte come giocatore e dirigente del Curling Club Dolomiti presieduto da Ivo , questo Club era nato dalla fusione tra i primi due storici Curling Club italiani ossia il CC. Bob Curling Club Cristallo e il Curling Club Miramonti
    Nel 1969 Raimondo Giavi , Claudio Alverà e Ivo vincemmo il nostro unico e indimenticabile Campionato italiano assoluto Grandissima festa serale e notevole affluenza soprattutto di tifosi improvvisati al rinomato Gambrinus (all free. ). Io avevo giocato da uno . Non ho mai capito se ero cosi bravo in quella posizione o se considerate le mie prestazioni nessuno se la sentiva di spostarmi.
    A Raimondo e Claudio adesso si è aggiunto Ivo. Stanno cercando il quarto………. chissa
    Dal 1972 al 1991 In qualità di rappresentante del nuovo Curling Club Doria ho fatto parte del Consiglio direttivo del ICA di cui Ivo rimarrà ininterrottamente Presidente per oltre 18 anni.
    La fondazione di questa Associazione alla quale aderivano tutti i 16 club a suo tempo affiliati alla FISG , avvenne nel 1971 per permettere al Curling Italiano la partecipazione alla Silver Broom ossia ai Campionati del Mondo di Curling . Ricordo che tutte le spese della squadra compreso coach e giornalista (a volte erano free anche le mogli ) andava a totale a carico del Air Canada organizzatrice della manifestazione . Bei tempi.
    In pratica , nel mentre in Italia eravamo riconosciuti come aderenti alla FISG all’estero venivamo solo riconosciuti se appartenenti all’ICA. Da una parte erano sicuramente tempi più felici , poi a causa di problemi nazionali e internazionali ( vedi rinuncia e uscita del Air Canada dal giro ma soprattutto la generale speranza di essere riconosciuti come sport olimpico ) la strana posizione dell’ICA doveva essere definitivamente liquidata. Non solo Ivo ma molti altri curler compreso il sottoscritto rimpiangono quella dolorosa ma dovuta e indispensabile decisione.
    Sono orgoglioso e onorato dei trent’anni che ho passato con Ivo sempre perseguendo nel bene e nel male gli stessi ideali e traguardi. So d’aver conosciuto uno sportivo leale pulito , onesto, umano , sincero e altruista in poche parole un vero Galantuomo dello Sport , il miglior dirigente del movimento del curling italiano di sempre.
    Ciao Sacramenza.
    Franco Zumofen

  2. studio@gallinatto.it' Gianandrea Gallinatto scrive:

    Presidente, Dirigenti, Tecnici e Atleti del Pinerolo Yellowstones Curling Club, partecipano al dolore e al cordoglio che ha colpito la Famiglia di Ivo Lorenzi per la scomparsa del loro caro. Scomparsa che ha privato il curling italiano di una figura storica e carismatica della quale tutti sentiranno una grande mancanza.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>