Al Museo di Dumfries rubata la medaglia d’oro di Rhona Martin

Triste storia quella di Dumfries. In occasione del Mondiale Senior e Doppio Misto il Royal Curling Caledonian aveva pensato di allestire un piccolo spazio del Museo con dei cimeli sul curling. Mercoledì scorso (30 aprile) di notte, dalle indagini pare dopo le ore 22, alcune persone si sono introdotte nel museo ed hanno portato via oggetti stimati al momento per un valore di 34 mila sterline. Purtroppo l’interesse dei ladri è caduta anche su alcune medaglie di curling. La medaglia d’oro vinta alle Olimpiadi del 1924 di Chamonix da Willie Jackson ma anche la medaglia d’oro di Rhona Martin vinta, come skip della Gran Bretagna, alle Olimpiadi di Salt Lake City del 2002. La polizia al momento indaga su testimonianze che dicono di aver visto alcuni uomini allontanarsi di corsa, nell’ora del furto, sulla Rotchell Street in direzione Park Farm. Informata sull’accaduto Rhona Martin nelle interviste si è mostrata veramente disperata. Questa medaglia era la cosa più importante della sua vita. Dopo averla vinta è stata in tantissime scuole per farla vedere e toccare ai bambini. Una medaglia olimpica che, nello spirito di Rhona, può essere un grande stimolo a far bene ed ottenere importanti risultati sportivi e non solo. Rhona ha pubblicamente supplicato i ladri di trovare il modo per poterla restituire. La Martin ha sempre conservato questa medaglia nella propria abitazione ma su richiesta della Royal Caledonian aveva deciso di metterla in visione per 2 mesi nel Museo di Dumfries. Il Responsabile della Royal Caledonian incaricato di curare questo allestimento, Bruer Crawford, è sconcertato. Aveva attentamente verificato i sistemi di sicurezza del Museo ritenendo che questi cimeli sportivi fossero al sicuro. Sulla notizia è stato anche intervistato David Murdoch skip del team Scozia. David è ovviamente molto dispiaciuto per quanto è accaduto. Per lui così come per tanti appassionati di curling , quelle medaglie hanno rappresentato un importante stimolo nel voler conquistare altri importanti traguardi per l’orgoglio della Scozia e di tutta la Gran Bretagna. Spera tanto che la medaglia torni al più presto nelle mani della sua legittima proprietaria.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi