WMDCC 2016 Puntata n° 4: ( Italia -Canada) Il Mondiale Italia commentato dai protagonisti

Di Lucrezia Laurenti & Marco Pascale
Martedì 19 aprile, la sveglia suona alle 5:45 e alle 6 tutte le squadre impegnate nel primo turno della giornata sono già a far colazione. Giungiamo all’arena alle 7 e ci prepariamo per la partita che, in un modo o in un altro, presenta sempre un’aura particolare. I riflettori sono sempre puntati sul Canada, sebbene nel Doppio Misto non siano le uniche “superstar” quanto nel Curling tradizionale. Le divise a non finire, i gadget e quell’aria sempre così professionistica. Il Canada, si vede, brilla di un certo fascino. Come se non bastasse, in panchina ci sono gli occhi vigili di una stella del Curling mondiale: Jeff Stoughton.
Concludiamo il practice migliorando ulteriormente il nostro DSC, uno dei nostri obiettivi. Ma questo non basta. Il duo canadese rasenta la perfezione e inizia col vantaggio dell’hammer. La prima mano vede i nostri avversari incapaci di reagire ai nostri primi tiri, ritrovandosi a rincorrere fin da subito. Riusciamo a tenere tutto sotto controllo e chiudiamo la mano rubando due punti. Nella seconda mano riusciamo a impostare gli angoli in maniera ottimale e siamo vicini a rubare di nuovo, non fosse per l’ultimo tiro troppo lungo che lascia alla canadese una promozione per un punto. Nella terza mano non iniziamo altrettanto bene e, similarmente a quanto avvenuto nella prima mano contro la Cina, una chiamata troppo difensiva finisce col crearci più danni che vantaggi. Questa volta siamo noi a dover inseguire e, prima di effettuare il nostro ultimo tiro, sono ben 4 i sassi canadesi a punto: uno spaventoso grappolo tutto entro il cerchio dei 4 piedi. Constatata l’impossibilità di ottenere punti, riusciamo ad effettuare una promozione insidiosa per limitare i danni a “soli” 2 punti. Nella quarta mano il duo di Saskatoon fa pagare a caro prezzo ogni nostro piccolo errore, così che al terzo tiro siamo già costretti a ricorrere alle bocciate per non ritrovarci nella
situazione vista nella terza mano. Il piano ci permette di avere spazio per piazzare il nostro singolo punto finale, che però rimane inesorabilmente corto concedendo altri 2 punti al Canada. Alla pausa siamo sul 2 a 5 ma siamo consapevoli che contro questi avversari le possibilità di recuperare spesso possono essere un miraggio. Ricorriamo al Power Play già nella quinta mano, sperando di riuscire a costruire una grossa mano. Gli avversari non si confermano all’altezza delle due mani precedenti e i sassi rossi ben piazzati in casa sono numerosi. Solo sull’ultimo tiro riescono a piazzare un “freeze” insidioso, comunque rimovibile per quattro potenziali punti a nostro favore, sebbene la leggera bocciata non sia delle più semplici. La traiettoria stenta a curvare, il tiro non riesce alla perfezione e chiudiamo con soli 2 punti. Il Canada ricorre a propria volta al Power Play nella sesta e torna alla precisione millimetrica già vista, vanificando i nostri tentativi (un po’ grossolani per la verità) di metterli in difficoltà. 4 punti a favore dei nostri avversari e, a questo punto, le nostre possibilità sono pressochè nulle. Trattandosi dell’unica partita della giornata e avendo l’hammer, decidiamo di tentare ancora una mano giocando tutto in casa, cercando di impostare qualcosa per il nostro ultimo tiro. Purtroppo per noi l’obiettivo sfuma
sul finale, aggiungiamo così un punto al nostro punteggio e ci congratuliamo con i canadesi.
Risultato finale Italia 5 Canada 9.
Ci attende una pausa lunghissima fino alle 21 di domani, spezzata solo dalla sessione di allenamento serale. Decidiamo di staccarci dall’Arena e trascorriamo qualche ora all’aria aperta, rientrando in albergo quando la pioggia fa la propria comparsata quotidiana.
L’allenamento serale è positivo e, verso mezzanotte, riusciamo finalmente a concludere questa lunga giornata e a recuperare le energie in vista di domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi