Doping in Russia anche nel curling

Tutti erano in attesa di questa notizia che oggi è arrivata con una sentenza senza scampo o attenuanti per tutto lo sport di Russia. La bomba di questa estate è ovviamente scoppiata a pochi giorni dall’inaugurazione olimpica di Rio 2016.Adesso c’è una sentenza ed il CIO di Losanna non può che confermare quanto è emerso dal non solo denunciato ma dimostrato con prove concrete. Per il momento il CIO, proprio in queste ore, ha comunicato di voler annullare tutte le medaglie Olimpiche vinte dalla Russia da Vancouver 2010 a Sochi 2014.Ma in queste edizioni, almeno nel curling, la Russia non rischia nulla perché non è mai salita sul podio. Davanti a storie così complesse potremmo essere tentati di credere che il curling però non sia direttamente coinvolto. Al contrario è proprio il Presidente della Federazione Curling di Russia Dmitry Svishev che ufficializza come il curling sia coinvolto in quanto molti giocatori della Nazionale Russa hanno fatto uso del meldonium e hanno smesso di assumere questa sostanza nel settembre/ottobre 2015. Poco dopo questa sostanza è poi stata inserita , 1 gennaio 2016, nella lista Wada ( organismo di controllo dell’antidoping) come sostanza proibita. Lo stesso Presidente del curling di Russia ha dichiarato in una intervista di non sapere per quanto tempo il meldonium rimarrà come traccia nel corpo degli atleti e su questo attende risposte dallo staff dei suoi medici. Comunque che il curling sia stato coinvolto è cosa certa e dichiarata anche nel diagramma che riporta quali sono le discipline interessate e denunciate. Adesso rimane ancora un punto, non di poco conto, da chiarire in merito alle medaglie del curling conquistate dalla Russia in eventi come Mondiali e Europei. In queste manifestazioni solo nel femminile la Nazionale di Russia ha ottenuto, negli anni incriminati, importanti risultati: Mondiali femminili 2014 bronzo a S.John ( Canada) e bronzo nel 2015 a Sapporo. Per gli Europei le medaglie sono anche di prestigio partendo dal 2011 con il bronzo di Mosca, oro nel 2012 a Karlstad, argento a Champery e ancora oro nella passata edizione del 2015 a Esbjerg.

Una risposta a "Doping in Russia anche nel curling"

  1. […] cardiaci. Non è la prima volta che si parla di uso del meldonio per gli sportivi della Russia. Già nel luglio 2016 avevamo dato notizia che 2 atleti russi del curling erano stati pizzicati per questo uso. Tra gli atleti famosi si […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi