Mondiale maschile 2017: Canada – Italia e i fantasmi di Torino 2006

Adesso subito con i pensieri sul Canada di questa sera. Con questo confronto vogliamo che tornino nella testa dello skip canadese Brad Gushue i fantasmi di quella sera alle Olimpiadi di Torino 2006. Per i più giovani è giusto raccontare quanto era successo in quella occasione.Alla sessione di gioco n°9 in calendario olimpico Canada- Italia.Al termine della partita la notizia della vittoria italiana fece il giro di tutto il mondo e non solo del curling.Comunque sia andata quella partita Brad Gushue dimostrò di essere un grande atleta e vinse l’Olimpiade 2006. Ovviamente di acqua da allora ne è passata sotto i ponti e Gushue è diventato più maturo più esperto e sempre vincente. La prova sta anche nel suo rendimento in questo Mondiale dove con buon anticipo il Canada ha già passato il turno del round robin. Aggiungiamo anche un dato statistico dicendo che a questo confronto il Canada si presenta ancora imbattuto. E poi ancora che; di tutti i confronti, disputati sino a oggi, il Canada è stato impegnato in gioco sino al decimo end solo da Svizzera e Svezia. Tutte le altre sono terminate con grande anticipo.Volendo quantificare questi end non giocati dal Canada, per abbandono dell’avversario, raggiungiamo il sorprendente numero di 21 end che sono poi 2 partite complete.Questo per dire che nella teoria dei numeri, se vi aggrada, l’Italia arriva a questo confronto con 2 partite in più sul groppone rispetto al Canada.Ma non sarà certo questo che pesa e se l’andamento della gara ci consentirà di giocarcela i nostri ragazzi avranno tanta adrenalina in corpo utile a buttare giù qualsiasi muro.
E chiudiamo con un pensiero a quella cartolina ormai storica dell’Italia alle Olimpiadi di Torino 2006. Dai volti di allora, anche se più giovani, ritroviamo ancora i protagonisti di oggi. I tecnici di ieri e di oggi Rodger Schmidt e Jean Pierre Ruetsche e Marco Mariani che allora era giocatore. Tra gli atleti l’inconfondibile ma senza barba Joel Retornaz. Dei nostri avversari canadesi di allora e di oggi Mark Nichols e ancora Brad Gushue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi