Torino per il 2026 pensa alle Olimpiadi

Il 2018 inizierà con grandi progetti. In febbraio ci potremo gustare la nostra Nazionale maschile impegnata nelle gare delle Olimpiadi coreane e saremo vicini alla squadra per sostenerli da casa. Ma già in gennaio nel torinese si lavora per presentare il dossier sulla fattibilità economica per organizzare le Olimpiadi invernali del 2026. Questo progetto per la candidatura olimpica è, al momento, voluto e gestito dal Presidente della Camera di Commercio con l’appoggio di molti sindaci della Val Susa e Val Chisone. Per il momento la giunta del Comune di Torino (5 stelle) preferisce rimanere in attesa ed attende di prendere visione del piano economico. Le Olimpiadi del 2006 erano costate circa 3 miliardi ma per il piano del 2026 dovrebbero bastare la metà considerando che gli impianti già ci sono. Per la copertura potranno quindi bastare gli investimenti nazionali sull’evento e la città di Torino non sarebbe coinvolta e non andrebbe a rischiare nulla dei suoi bilanci. Se il dossier darà questa certezza la Sindaca di Torino Chiara Appendino e l’Assessore allo Sport Roberto Finardi potrebbero sostenere la candidatura. Tra marzo e aprile 2018 la richiesta di candidatura olimpica potrebbe essere presentata al CONI e da qui, con il consenso di Malagò, proseguire verso il Comitato Internazionale Olimpico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi