Un Canada donne incredibilmente ultimo in classifica e non amato dal suo pubblico

In Canada proprio non si riesce a sopportare che la squadra femminile, dopo 3 confronti, sia tristemente in ultima posizione di classifica. Non sanno spiegare le ragioni riconoscendo il fatto che quella di Rachel Homan era indiscutibilmente la miglior formazione da portare a questa Olimpiade. Dopo la gara d’esordio persa contro la Corea, la stessa Homan ha scritto sui giornali canadesi rassicurando i propri tifosi sul fatto che non c’era motivo di preoccupazione. A suo dire avevano bisogno di tempo per capire il ghiaccio e le stones e quindi nulla era compromesso dopo questa prima sconfitta. Ma alla Corea è poi seguita, con lo stesso risultato, la Svezia e in particolare il confronto con la Danimarca. Su questa ultima gara quelli che prima erano sono mugugni sono esplosi in una critica a oggi ancora dai toni incandescenti. In particolare, poi, in questa gara c’è anche stato un momento che ha alimentato la polemica. Durante il gioco del quinto end uno stone lanciato dal third danese Denise Dupont arrivava in casa e raddoppiava il punteggio a favore della Danimarca. A questo punto la skip canadese Rachel Homan ravvisava una irregolarità in quanto lo stone era stato toccato da una giocatrice danese. Homan decideva quindi di bruciare (togliere) dal gioco lo stone. Questa decisione della Homan è stata pesantemente criticata da molti appassionati canadesi che hanno tempestato di messaggi via Twitter il team Canada. Dello stesso avviso anche molti giornalisti nei loro pezzi di commento alla partita. Alcuni hanno titolato “La polemica sulla roccia bruciata riassume, sino ad ora, tutto sulla Olimpiade delle donne”. Lo stesso analista CBC Joan McCrusker non ha usato, nei suoi commenti, mezzi termini per criticare la scelta della skip canadese. Sulla vicenda altri giornali canadesi, concordano con la decisione della Homan, ricordando quanto accaduto nella gara di qualificazione olimpica tra Danimarca – Italia quando la skip danese Dupont aveva, per la stessa ragione, deciso di bruciare durante la gara, in momenti diversi, 2 stone all’Italia.
Il Canada comunque in questo end non ha avuto alcun vantaggio. Anzi ha subito 4 stone. Poi il finale di gara che è stato ancora più umiliante per il Canada. Il decimo end iniziava con il risultato di Danimarca 6 Canada 8 e si chiudeva in parità 8 a 8. Quindi extraend con hammer per il Canada. Brutto ultimo lancio per il Canada e vittoria alla Danimarca 9 a 8. Al termine della partita la skip Dupont nelle interviste ricordava quanto accaduto nel 5º end e proprio per quanto successo la loro vittoria era ancor più gradita.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta la Cookies Policy...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi