Notizie curiose da North Bay

In queste giornate la stampa locale di North Bay mette in grande risalto le notizie sul curling e, forse per la prima volta, i commenti sull’hockey scendono di posizione in pagina e danno spazio al nostro Mondiale. E tra i tanti pezzi di commento alle partite troviamo anche qualche curiosità. Tra i 4200 spettatori al Memorial Gardens nella giornata domenicale c’è anche un ragazzino di 12 anni che al termine delle partite si agita particolarmente per raccogliere autografi delle atlete su una sua maglietta. Si chiama Brandon Lewis e arriva da Brampton. Ha però la fortuna di avere i nonni che abitano a North Bay e quando ha saputo che il Mondiale veniva organizzato nella città dei nonni ha subito chiesto ai genitori di acquistare il pass per l’evento. Alle partite è accompagnato dalla nonna che parla ai cronisti di un nipote affascinato da questo sport. Brandon non ha dei genitori che praticano il curling e lo ha scoperto guardando qualche competizione in televisione. Il ragazzo ha iniziato la scorsa stagione a giocare a curling e dice di amarlo per le sue strategie e per la sua calma. A lui non piacciano gli sport dagli scontri fisici e tanto meno quelli estremi. La nonna aggiunge poi che il nipote con la scopa da curling ci va anche a dormire. E’ proprio un grande amore. Ma tra i tanti spettatori c’è anche una signora che ha un gran talento con il fischio. Non è una spettatrice comune ma la mamma della third canadese Kaitlyn Lawes. Durante il gioco, in qualsiasi punto del Memorial si vada a sedere la signora Cheryl Lawes, , ad ogni stone messa in casa dal Canada, riesce a far sentire alla figlia Kaitlyn che lei è li presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *