WWCC 2018: Un Mondiale senza Scozia

Terminate le partite serali con Canada – Cina 9-5; Giappone – Stati Uniti 7-6; Danimarca – Germania 6-5; Scozia – Rep. Ceca 4-11. Prosegue quindi la serie negativa della Scozia della Skip Hannah Fleming che non trova proprio l’opportunità di impostare e vincere una partita. Con uno sguardo di parte su questa partita vogliamo sperare che la Rep. Ceca, per ottenere questo risultato, si sia abbondantemente spremuta ed arrivi al confronto contro le italiane (ore 24) con poco di tutto in testa e nel braccio. In una pista accanto ci sarà anche il confronto al vertice di classifica tra la Svezia e la Corea del Sud. Per le coreane potrebbe essere la seconda occasione dopo la finale olimpica. Sugli spalti, come sempre in questi giorni del Mondiale, ci sarà Peter Gallant che per 20 mesi ha seguito, come coach canadese, il gruppo delle Kim di Korea. Il contratto di lavoro con i coreani per Gallant è scaduto al termine delle Olimpiadi e non gli è stato rinnovato. Le ragazze del Team Corea sono dispiaciute per questa scelta della loro Federazione riconoscendo che Gallant, insieme alla coach coreana Kim Min Jung, ha svolto un importante lavoro. Peter Gallant è stato anche un ottimo giocatore canadese con 9 Brier disputati in carriera con il Charlottetown Curling Club dell’Isola Prince Edward. Poi ha intrapreso il mestiere di tecnico ottenendo importanti risultati con le nazionali Junior del Canada. Per i Gallant il curling è anche una questione di famiglia. Il figlio Brett gioca come second con la squadra di Gushue che di recente ha conquistato il Brier e presto sarà impegnata nel Mondiale uomini di Las Vegas. L’altro figlio Christoffer è stato campione junior nel PEI e campione universitario nel 2014. Ma sugli spalti, come nei giorni passati, ci saranno sempre a tifare anche una dozzina di connazionali della comunità coreana arrivati da Toronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *