Notizie curiose da North Bay: Il grande cuore dei curler

Questa è una storia di delinquenza come può accadere purtroppo in ogni parte del mondo. La vicenda riguarda il signor Bob Stevens che vive nella Cassellhome, residenza per anziani di North Bay. Bob è un pensionato delle poste canadesi e nonostante le sue difficoltà nel doversi spostare con una sedia a rotelle vive una vita serena. Bob è un grande appassionato di curling e quando ha saputo che i Mondiali si sarebbero giocati nella sua zona ha iniziato, mese dopo mese, a risparmiare del denaro per poi poter acquistare i biglietti di ingresso al Memorial Gardens. Arriviamo quindi al giorno in cui il signor Stevens va per acquistare i biglietti. Quando si tratta di pagarli scopre di non avere più con se la carta di credito. Per Bob a questo punto arriva la notizia sconvolgente che qualcuno si è impossessato della sua carta. La banca, informata sull’accaduto, in seguito comunica che qualcuno ha già fatto un prelievo bancomat, prestando attenzione nel non essere inquadrato dalle telecamere di sorveglianza, ed ha anche fatto acquisti in città. Il conto del povero Bob è stato prosciugato e dovrà dire addio alla speranza di vedere sul ghiaccio il suo Canada. Stevens però decide di rendere pubblica questa sua triste storia con l’intento di intenerire l’animo del truffatore. Ma i delinquenti non hanno un anima e in tal senso non ci saranno novità. Quell’anima però c’è ed è quella di tanti appassionati di curling dell’Ontario. La macchina della solidarietà non perde tempo e si attiva. In pochissimi giorni i soldi sono arrivati da tante persone generose che hanno letto la vicenda di Bob. A rappresentarli tutti è stato un signore che si è recato nel centro di accoglienza per anziani dove vive Bob Stevens. Quando è entrato nella sua stanza Bob è rimasto stupito perché non sapeva chi fosse Daniel Dupuis. Dopo le presentazione Bob ha ascoltato quanto il signor Dupuis avesse da raccontare e si è trovato con in mano una busta. All’interno ha trovato i biglietti per tutte le partite del Mondiale, finale di domenica compresa, e anche i soldi utili per pagare un taxi che lo porterà al Memorial Gardens e poi anche il ritorno a casa. E allora buon curling Bob.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *