Edward Werenich un campione da rievocare

Forse ingiustamente sulla figura di un grande del curling canadese manca da troppo tempo una doverosa rievocazione. Edward “Ed” Werenich è stato un giocatore di altissimo livello negli anni 80. Terminato il liceo con la famiglia si trasferisce a Toronto. Qui sarà determinante per la sua carriera l’incontro con quello che poi diventerà il suo storico skip Paul Savage. Questo team avrà una prima importante occasione di vincere il Brier (allora Labatt) già nel 1973. Le cose però in finale non andarono bene e non ci fu gloria. Da questo momento i rapporti tra Savage e Werenich entrarono in crisi. Erano entrambi dei personaggi di grande personalità e particolarmente caratteriali. Ci vollero 10 anni per rivedere insieme la squadra che si ripresentò al Brier nell’83. Per tutti gli appassionati dell’epoca quello era il Dream Team e sulla pista del Avonlea di Sudbury arrivò la vittoria del Brier Labatt. Nello stesso anno la squadra di Savage e Werenich conquistò anche il Mondiale. Ma non fu l’unico. Vinsero anche il Mondiale del 1990. La carriera nel curling di Edward Werenich raccoglie anche una storia particolare. Siamo nel 1988 e Werenich con la sua squadra andrà a Calgary per giocare, come Canada, quel torneo dimostrativo di curling. La Canadian Curling Association in quella occasione minaccia Edward Werenich di prendere seri provvedimenti disciplinari se, in occasione delle Olimpiadi, non fosse riuscito a dimagrire in modo vistoso. La Federazione canadese temeva un danno di immagine con le riprese televisive. Oggi, al contrario, abbiamo verificato che se un atleta di curling in televisione risulta con qualche chilo di troppo la cosa non disturba affatto. Anzi in questo modo tutti pensano che il curling sia finalmente uno sport per tutti. Tornando a Werenich aggiungiamo che la critica sul suo fisico ebbe un lieto fine a favore di Edward con l’inserimento, sempre nel 1988, del suo nome nella Canadian Hall of Fame. (Ovviamente nella foto di squadra Edward Werenich è il secondo da sinistra).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *