Renato Negro 1957 – 2019

Questo è il post che mai avrei voluto scrivere, devo purtroppo dare notizia della morte di Renato Negro avvenuta giovedì 17 all’ospedale Molinette di Torino. Renato era, ed è, Curling Italia. E purtroppo non lascia solo un vuoto dentro questo spazio. Io, come tantissimi altri, non mi sarei mai avvicinato al curling senza di lui. Era il 20 marzo del 2006 quando, senza conoscerlo, gli scrissi una mail per la prima volta. I Giochi Olimpici erano terminati da poco, assieme ad altri colleghi di lavoro volevo cimentarmi in questa disciplina assai strana. Dopo qualche giorno ricevetti una sua prima risposta, ne seguirono molte altre, tantissime in questi oltre 12 anni di conoscenza. Si può dire che io e lui abbiamo quasi sempre avuto solo un rapporto epistolare. Non ci sentivamo mai al telefono se non proprio quando non se ne poteva fare a meno, e la gran parte delle volte era lui che mi chiamava, sempre chiedendomi cortesemente se poteva disturbarmi. Ci vedevamo di persona ancora meno, soprattutto negli ultimi anni, da quando era in pensione e poi nei mesi scorsi, quando la malattia lo ha in parte allontanato da alcune faccende. Il curling comunque era sempre presente nei suoi pensieri, non ritengo di aver conosciuto altri con un’ossessione, una magnifica ossessione, così marcata per qualcosa. E grazie a quella e all’entusiasmo che sapeva trasmettere, che ti contagiava, se dal primo nostro incontro di persona, il 30 marzo sempre del 2006, non sono più sceso dal ghiaccio per così dire. E se sono qua ora. Non credo di averlo mai ringraziato veramente per qualcosa, ma avrei dovuto. Non che ce ne fosse bisogno con lui, è sempre stato, per quel poco che l’ho conosciuto, una persona di una generosità esemplare che faceva per il piacere di dare e non per quello di ricevere. Mi mancherai Renato. Mancherai a tutta la nostra piccola comunità.

I funerali di Renato Negro saranno celebrati lunedì 21 gennaio alle ore 9 presso la chiesa parrocchiale Madonna delle Rose di Torino con partenza alle ore 8:30 dalle camere mortuarie delle Molinette.

Una risposta a "Renato Negro 1957 – 2019"

  1. guido ha detto:

    Apprendiamo con commozione, da parte del Team Reale Mutua, la scomparsa di Renato.
    Sono momenti dove le parole risuonano vuote ed inutili di fronte alla dura realtà, però è giusto dare riconoscimento all’operato della persona.
    Non ho avuto modo di conoscere a fondo Renato, però non posso che condividere con te, Michele, che è grazie alla sua iniziativa e passione, se noi, come la maggioranza dei componenti del movimento del Curling del nord ovest si è avvicinata ed innamorata di questa, lasciatemi dire splendida, disciplina sportiva.
    Grazie Renato.
    Guido Barco

Lascia un commento